martedì 19 marzo 2013

Chi commenta su Facebook?



 
 
Come in ogni famiglia troviamo ruoli e caratteri diversi, così anche su Facebook le figure che si mescolano sono molto variegate.

Il dato comune discende dal carattere virtuale dell’interlocutore di ogni suo utente. 

Nell’atto del commentare o postare (neologismo), il destinatario del messaggio  veste il quadro logico e sentimentale del mittente. 

Qualsiasi contrarietà o incomprensione per ciò che si scrive è avvolta da una lontanissima possibilità di esistenza. 

Per quanto riguarda la verità sul contenuto dei messaggi, il canale è assunto unidirezionale. 

Ogni risposta contraria è acquisita con sorpresa, giustificata immediatamente con l’inadeguata comprensione da parte del lettore.

Davanti alla tastiera, il solitario utente connesso è un trasmettitore attento alle conferme e alle celebrazioni di se stesso. 

Nel comunicare, egli utilizza solo i significati delle parole o delle emoticon (faccine), e cioè quel 7% del quantitativo informativo che si trasmette parlando dal vivo con una persona. 

Ciò vuol dire che, tranne per pochissimi amici che conosciamo da molto tempo, i messaggi hanno scarsissima probabilità di essere letti con attenzione e quasi nulla, di essere compresi profondamente.

Nonostante questa superficialità dei lettori, i post sui social network sono canti di grilli invisibili nella campagna silenziosa o punti luminosi nel cielo notturno estivo. 

Ognuno fa storia a sé e tutti formano un disegno o, per dirla in forma matematica, una distribuzione di desideri.

Ogni desiderio, se pur specifico, nato e formato all’interno della società reale, è un dato inconfutabile di un pensiero il cui contenuto contribuisce a formare l’umore sociale. 

Il singolo pensiero, pesato nella fascia sociale di provenienza compone il quadro ideologico da cui emerge l’umore.

Posta un commento