lunedì 6 agosto 2012

Difendo il mio amore

Look into my eyes - you will see
What you mean to me
Search your heart - search your soul
And when you find me there you'll search no more
(Bryan Adams)

Accarezzo i ricordi che porto dentro di me nello scrigno dell'anima, amare è continuare a nutrire il proprio desiderio, è capire i bisogni e le sofferenze del cuore della persona amata, è saper rinunciare anche alla passione, per sognare ad occhi aperti quell'attimo che attendiamo, fremendo, in un futuro indefinito.

Sarebbe bello se si avesse un registratore capace di incidere i pensieri, farli riascoltare anche agli altri, così si potrebbe conoscere completamente quanto amore e poesia sono nascosti nel cuore di ognuno di noi.

Vorrei far sentire il brivido che provo e quello che il mio cuore vorrebbe esprimere parlando d’amore. Echeggia in me un urlo di ribellione, di sfogo perché io sono nata libera e voglio essere libera di amare e farlo senza condizioni.

Vorrei perdermi nell’Amore per le emozioni che mi dona, per quelle sensazioni che mi inducono a concedermi totalmente senza riserve, per riuscire dolcemente a trarre linfa e gioie che mi mantengono in vita come farmaci miracolosi.

L’amore che mi vive dentro mi fa sorridere, mi invita sognare, sperare, credere ma è capace anche di farmi male, disarmarmi, dilaniarmi.

L’amore che mi comanda è capace di scavarmi dentro, di tracciare solchi profondi pronti per essere riempiti di energia.

Io mi concedo all’amore e amo tutto ciò che la vita mi offre.

Le persone che incrociano la mia strada, io le incontro, con loro vivo una parte del percorso, sentieri a volte scoscesi che mi fanno sentire in trappola, quasi soffocare, perché osservata nei miei passi, e divengo innaturale, dipendente dal compagno di viaggio del momento e solo allora mi rendo conto che sono rimasta indietro ad affrontare il percorso. 

Non è bella la dipendenza affettiva. Ogni viaggio va percorso come se si fosse da soli, anche quando si ama.

Ma non mi volterò mai per guardare indietro per rendermi conto cosa o chi ho lasciato; io devo continuare a percorrere la mia strada caparbiamente per non trascurare nulla.
  
Il tempo scorre e la vita insieme, tutto molto velocemente.

Voglio vivere ogni cosa, ogni favola, ogni principe azzurro, grigio o bianco incontrato nel mio mondo fantastico che la mia mente soltanto contiene, dove vivono, fate, folletti e draghi sconfitti. Compreso gli orchi cattivi a cui voglio vedere in faccia per affrontarli, sconfiggerli o lasciarmi sopraffare e convivere con le cicatrici.

Perché io amo e voglio vivere tutto, non voglio solo assaggiarla questa mia vita, voglio morderla, voglio aggredirla, prenderla, scuoterla, respirarla, voglio spogliarla e vedere cosa c’è oltre i vestiti e il trucco. 

Voglio stringerla così forte a me fino a lasciarle un segno, come uno dei tanti che lei ne ha lasciati sulla mia pelle e nel mio cuore. 

Ogni cicatrice, ogni livido, ogni bruciatura, sono feritoie per la mia anima dalle quali ogni cuor gentile può scorgere i miei fremiti vogliosi di un tenero conforto.  

I miei graffi sono le porte che si spalancano al mondo e le mie lacrime sono il riflesso speculare di ciò che scelgo di non mostrare.

... ... ... con gli occhi incantati, il cuore gonfio di piaceri, l'anima in cielo e la mente libera ... ... ... ecco il mio Amore!

Difendo il mio Amore. 

(tratto dal romanzo "DANIL - un amore mai vissuto -") *
con generosa partecipazione di REGINA RESTA.

Posta un commento