giovedì 3 luglio 2014

Comunicazioni difficili


opera di Liliana Piras

---- brano tratto dal "Il mio caro ETT"--------------------------------------



ETT: Non temi delusioni?

LUIGI: Appartengo alla razza umana e come tale sono esposto a questi pericoli! 
Ho imparato ha trasformare in virtù le necessità e quindi la paura la considero una condizione all’esistere.

Per questo motivo accetto con mansuetudine ogni delusione, sapendo, inoltre, che il sorriso prima poi torna per cancellare i dolori. 

Sono innumerevoli le volte in cui aprendo gli occhi la mattina e vedendo il sole illuminare la stanza, mi perdo in pensieri insoliti.

Nel confine di un dormiveglia indefinito confondo il pensare con il sognare.

Mi ritrovo a parlare con un altro me stesso. 

Riecheggiano in me mezze frasi, forse sentite nella confusione di un dialogare distratto. 

Riascolto, con peso, parole pronunciate nello sconforto. 

Sfuggono alla consapevolezza scene senza trama.

Un turbinio di emozioni che sublimano riflessioni.

Una domenica mattina, svegliatomi improvvisamente, una frase più di tutte mi ronzava nell’anima: come se pretendesse una risposta ad ogni costo: “perché io?”.

Quando ciò che ci accade ci rende felici, consideriamo giusto e normale che capiti a noi, ma quando invece i fatti ci procurano dolori e delusioni, ecco che sbuca la mezza frase “perché proprio io?”. 

Allora fantastichiamo su congiure del destino, inventiamo trame contorte, tutte tese a glorificarci come vittime innocenti.

ETT: Questa è una riflessione che avrei dovuto fare io! 
Probabilmente mi sto adeguando anch’io al vostro soggettivismo.

Però, qualcosa mi fa intuire che tutto questo è una premessa ad una denuncia di insofferenza d’animo.

LUIGI: La tua intuizione non sbaglia!

ETT: Allora vai, ti ascolto.

LUIGI: La mia è una amarezza per quello che sapendo, non riesco a trasmettere.

ETT: cioè?

LUIGI: Vedi, caro mio amico extraterrestre, come noi umani siamo condizionati dalla nostra biologia. 

Nei primi di anni di vita abbiamo tanta energia da bruciare, non facciamo bilanci, né ci curiamo dei rischi e dei pericoli. 

Non conosciamo la paura, perché abbiamo poca esperienza; abbiamo poco tempo per pensare. 

L’istruzione ci omologa e la fantasia subisce violenza. 

L’intraprendenza e lo spirito di avventura si drogano del senso comune.  

Da adulti, invece, siamo riusciti ad ingabbiare tutto in un carattere individuale che nel migliore dei casi si aggettiva come “socievole”, “equilibrato”, “maturo”.

Le occasioni che ci fanno riflettere diventano ricorrenti. 

L’energia fisica calante ci invita a dimorare nel passato e i ricordi depositano romanticismo come collante ad una vita che dovrà spegnersi.   

Da persone mature, tutto intorno ci appare colorato con “che cosa avrei potuto fare!”.

In questo clima interiore, nel vecchio cuore emerge la volontà di offrire la propria “vista” al giovanotto di turno.

Succede, però, che “chi ha i denti non ha il pane e chi ha il pane non ha i denti”.

Allora, l’anziano rallentato dalla biologia, viene svuotato dalla capacità di trasmettere e diventa una campana che rintocca in assenza di aria.      

Posta un commento