venerdì 30 ottobre 2015

Why do you learn?




If you think of learning as a means to an end - a simple stepping stone from school to university, to work, to better paid work.....
then I hope you’ll think again when you read this words.
 
The tips here show that learning for learning’s sake is a rewarding experience. 
 
Once you start learning, it’s difficult to stop. 
 
The trick is to choose a subject that you really care about; know what you want to achieve; and have something or someone to inspire you.
 
If you have limited time, work out what is the absolute minimum you need to do and skip the optional bits.

giovedì 29 ottobre 2015

Mal di pensare





La nostra vita è una stagione di caccia, dove le prede sono le verità da cui estrarre le certezze di cui alimentarci.

Non riusciamo a muoverci liberi dai condizionamenti e ci illudiamo di esserlo, assumendo idee preconfezionate da ideologie o cieche credenze.

Muoversi nel gregge si risparmia la fatica di alzare la testa e guardare in avanti per trovare una direzione. 

Si rinuncia alla libertà di decidere. Si rinuncia di guardare alle scelte possibili. Non si hanno esitazioni, si dà l’impressione di sapere tutto. Si è prigionieri della convinzione. 

Più forte è la convinzione più energia si sprigiona, a testimonianza di una potenza quasi sempre inespressa.

In cambio, sappiamo sempre ciò che dobbiamo fare, perché il confine è stato tracciato. 

Stando nel gregge non c’è orizzonte ma necessità di gestire la stretta zona in cui vivere. 

Non ci sono altre alternative, se non scontrarsi con altre pecore per darsi più spazio e conquistarsi la fama tra i pochi.

Brutta malattia contagia chi tenta di pensare e farlo fino in fondo.

L’isolamento è garantito, perché il gregge fiuta il pericolo e ha paura della diversità.

venerdì 23 ottobre 2015

Colloquio???




Vi è capitato di partecipare a un colloquio passivo?

Forse è una delle forme di colloqui più usuali.

Nel colloquio passivo si parla di se stessi continuamente. 

L’unica variazione che si nota, sta nello scambio dei ruoli tra chi ascolta (in pausa meditativa) e chi parla (in sindrome di egocentrismo).

Lo scambio avviene spesso sfruttando le pause accidentali o le difficoltà espositive di chi detiene il testimone del colloquio. 

Spesso, lo scambio è difficoltoso. Ci sono dei momenti in cui il ruolo di “parlatore” è duplicato. 

Vince (continuando a parlare) chi riesce ad assumere un tono di voce più alto e deciso. 

Sono commoventi i momenti in cui la voce perdente continua nei suoi tentativi di imporsi.

Alla fine del colloquio i duellanti si allontanano chiedendosi: 
“Ma di che cosa abbiamo parlato?”.

È stata un’inutile perdita di tempo che ha lasciato come effetti positivi lo sfogo verbale e una decisa voglia di bere (specialmente in estate!).

Il colloquio dovrebbe essere un momento magico in cui due esperienze diverse s’incontrano e colgono l’opportunità di arricchirsi e deliziarsi della vita.

L’elettronica dà un meraviglioso esempio. 

Due punti a potenziale diverso non vedono l’ora che un filo di rame possa connetterli.

Se dovesse succedere, si scatenerebbe una corsa di elettroni, forsennata. 

Tutti correrebbero verso i fratelli protoni, pronti a unirsi a loro per riversare e ricevere la quantità di carica di cui hanno fortemente bisogno. 

La loro corsa è tanto più forte, quanto più alta è la differenza di tensione che esiste tra di loro. 

È facile intuire che se uno dei due è una fonte inesauribile di energia, il traffico di elettroni continuerà in modo indefinito. Diciamo che tra i due punti c’è corrente continua!

Un colloquio interessante si sviluppa tra persone che possono dare qualcosa in termini d’idee, poiché entrambe si arricchiscono dell’esperienza dell’altro.

Ognuno è capace di tirar fuori il meglio dell’altro.

L’interesse e l’attenzione sono elementi sempre presenti nel colloquio.

La fine del colloquio porta la consapevolezza di aver trascorso un “bel” tempo.

I due si lasciano con una stima reciproca accresciuta.

La voglia di bere verrà per brindare alla bellezza della vita!

martedì 20 ottobre 2015

Pensieri sciolti




Trascorrere il tempo rincorrendo mete che si allontano continuamente o che raggiungi per scoprire che non erano quelle che presumevi, è un dispetto alla tua breve esistenza.

Fantastico è, invece, vivere il sussulto delle tue emozioni. In questi momenti non c’è oro del mondo che possono ripagarli.

Chissà quanto darebbe ognuno di voi per portar dentro qualcosa che potesse continuamente evocarle, per distogliervi dalle stupide attività abitudinarie.

Certamente dobbiamo condurre attività che invita o, addirittura, impone il procedere a mo’ di mulo da fatica, ma se immaginiamo di portare nella tasca interna della giacca, un oggetto invisibile alla ragione ma solido per l’anima, qualunque attività si trasforma in stupenda occasione per vivere come si vorrebbe.

Ognuno di noi, non vive sotto una campana di vetro, ma è immerso in un sistema pulsante, dotato di spirito creativo, capace di scambiarsi idee, emozioni, esperienze e quant’altro riconducibile all’essere umano.

Pensateci bene quanta potenzialità ha ognuno di noi, per far gioire chiunque. Un sorriso apre le porte del benessere. 

Una parola sincera crea un ponte di amicizia. 

Uno sguardo intenso e attento spalanca tanta simpatia. 

Una stretta di mano, un braccio sulle spalle e perfino camminare insieme con lo stesso passo, sono tutte opportunità che ci regalano momenti di vita significativi.

Vi invito a chiamare per nome il più antipatico dei vostri conoscenti, e scoprirete che quell’antipatico si vestirà di modi inusuali, poiché sarà costretto a rispondere con le buone maniere al vostro richiamo.

Potete provare a donare qualcosa al più egoista che conoscete, e sicuramente, indurrete tanto impaccio nel poveretto, poiché gli chiedete, in risposta, un modo di comportarsi a lui estraneo.

Divertitevi nell’offrire qualcosa al bar a una persona dal braccino corto e scoprirete di aver accanto a voi un neogeneroso.

Suppongo che sia ora chiaro che tutto può partire da noi. 

Basta avere in tasca un ecografo che scandaglia e riflette sui veri valori umani.

Vi chiedo di unirvi a una squadra che partecipa alla gara dei cento metri piani. 

La regola che accomuna questa squadra è quella per cui si deve truccare per favorire i concorrenti che ti affiancano. 

Appena lo starter segnala l’inizio della corsa, tutti scattiamo per partire. 

Di lì a poco, la corsa rallenta, prima diventa passeggiata, poi raduno e infine, tutti hanno dimenticato che si doveva giungere a un traguardo.

Ognuno dei partecipanti ha vinto la gara dell’esistenza.

giovedì 15 ottobre 2015

Un insolito colloquio





Mi è capitato di vivere un’esperienza particolare. 

Un giorno, mentre impazzava un forte temporale, rimasi incantato o meglio, ammaliato dalla potenza della natura. 

Gli assordanti tuoni, le accecanti fotografie dei lampi e lo zufolare dei venti che insistentemente facevano vibrare porte e finestre, creavano un clima esoterico dal quale ricavavo un inspiegabile piacere al pensare. 

L’agitazione dei miei famigliari costituiva un contorno complementare alla furia della natura.

La mia attenzione si concentrava su piccoli eventi insignificanti nel quadro scenografico i quali diventavano attivi catalizzatori di profonde riflessioni.

Più fonti di pensiero mi stimolavano a una controversia interna, nata dall’osservazione attraverso la finestra di un rametto d’albero sbattuto ripetutamente contro un cartello pubblicitario dalla furia del temporale.

Di seguito riporto il contenuto di questo inusitato colloquio.

Saggio: Il rametto sbatte contro l’ostacolo e non ha coscienza di sé, ma se l’avesse, sarebbe convinto del suo ruolo nella natura?

Necessità: Forse si! Comunque se ne farebbe una ragione.

Pessimista: Qualunque ragione che si darebbe, sarebbe triste! Avrebbe la consapevolezza di essere nato senza il suo permesso e costretto a vivere in quella posizione solo per il piacere dell’albero.

Necessità: Sarebbe una brutta ma unica possibilità per esistere. Vivendo può avere vista meravigliosa che l’albero gli offre insieme al cibo.

Saggio: Potremmo pensare che la storia del rametto abbia fatto in modo che una qualunque giustificazione, acquisita per esperienza e osservazione della natura, si sia poi trasformata in una convinzione così radicata da inibire la critica alla sua stessa esistenza.

Pessimista: Scusami Saggio, vorresti dirmi che il rametto potrebbe crearsi un’illusione che gli consentirebbe di accettare il suo stato e ruolo nella natura?

Saggio: Si! Almeno per le questioni più dolorose e sarebbe convinto pure di essere libero di oscillare o di poter predeterminare il tipo e l’intensità dell’oscillazione. In altre parole, potrebbe godere di una libertà fatta a sua misura.

Necessità: Dipenderebbe dal rametto, quindi,  come intendere la vita: inferno o paradiso? Stando attaccato all’albero non avrebbe altre scelte e sarebbe oltre che stupido anche inutile trascorrere la vita lamentandosi.

Pessimista: Bel premio date a chi vorrebbe elevare se stesso a padrone della natura e nobilitare il suo ruolo; gli chiedete di prendersi in giro da solo! 

A questo punto sarebbe meglio togliergli la consapevolezza di esistere e lasciare la questione all’albero.

Necessità: Pessimista, tu commetti l’errore di far ragionare il rametto con i tuoi riferimenti. Non sarebbe un gran male per il rametto stesso, se le sue percezioni rispondessero alle condizioni e funzioni per cui è nato come parte dell’albero. 
 Il nostro rametto deve essere felice di esserlo anche rinunziando a certe libertà che non gli competono e che solo tu puoi vedere dall’esterno. Dovrebbe bastagli sapere di far parte di un disegno più grande al quale non gli si chiede di essere d’accordo né tanto meno di capirlo.

Saggio: Ben detto Necessità! Tutto ciò che il rametto potrebbe conoscere deve necessariamente passare attraverso i suoi sistemi sensoriali i quali diventerebbero i principali responsabili delle sue convinzioni interne. Quest’ultime tracciano il percorso di vita interiore del rametto e, di conseguenza, selezionano le risposte agli stimoli esterni.
Riflettete su questo particolare: una convinzione profonda può evitare di farci ragionare?

Pessimista: Certo! Ci permetterebbe di agire con sicurezza e disinvoltura, essendo sicuri di non sbagliare.

Necessità: Attenzione, la motivazione su cui si basa la convinzione potrebbe essere errata!

Saggio: È vero, ma è vero anche che la persona convinta non è in grado di saperlo subito. Perciò, quando si agisce convinti, nel momento in cui opera, non si è libero; si è imprigionati dalla sua stessa convinzione.

Necessità: Il rametto, quindi, non ha nessuna responsabilità delle sue azioni. Se sceglie di agire in un modo, non lo fa perché vuol sbagliare, semplicemente perché la sua convinzione lo costringe.

Pessimista: La persuasione, dunque, è pericolosa!

Necessità: In ogni caso senza convinzioni non si potrebbe vivere; non sceglieremmo in modo razionale, saremmo sempre esitanti e infine, passeremmo dalla schiavitù della convinzione all’immobilismo del dubbio.

Pessimista: L’assenza della convinzione sospende il giudizio ed elimina quegli automatismi mentali che ci rendono decisi e dinamici; perderla è anche un bel guaio!

Saggio: Le vostre obiezioni sono tutte da accogliere, per cui la natura si è inventata un sistema a “timer” che ha inglobato nella convinzione. Il dispositivo agisce come un debole, lento e costante demolitore delle ragioni sostenitrici della convinzione. Con il passar del tempo le convinzioni del momento s’indeboliscono e cadono per far posto ad altre, offrendo così alla consapevolezza, l’opportunità di occupare maggior spazio nella conoscenza dell’individuo.

Romantico: Vi siete dimenticati del rametto? Chissà se, perso nelle sue convinzioni, sia capace di guardare i fiori che gli nasceranno come meravigliosi doni della natura. Le sue convinzioni gli permetteranno di agitarsi dolcemente nell’aria diffondendo polline, richiamando uccelli per fornir sostegno ai loro nidi, e infine, se mostrerà serena accettazione alla scure potatrice che il contadino non mancherà di usare.

Saggio: Il gigantesco meccanismo, la ruota dell’universo, tutto ha previsto e su tutto ha riposto attenzione; non mi stupirei se avesse previsto di usare la convinzione come strumento d’oblio momentaneo nel cercare una risposta al motivo dell’esistenza.