venerdì 16 gennaio 2015

Fermiamo i massacri di Boko Haram




Mentre i media ci permettevano di capire e piangere per il massacro di Parigi, un gruppo terrorista nigeriano usava una bambina come bomba umana e uccideva quasi 2000 persone. Purtroppo sembra che non interessi nè ai media nè ai governi: firma subito, aiutaci a far arrivare la notizia ovunque, e costrigiamo l'ONU a nominare subito un inviato speciale per la pace in Nigeria:


firma la petizione
In Nigeria un gruppo terrorista sta usando bambini di 10 anni come bombe umane, e la scorsa settimana ha massacrato quasi 2000 persone.

Ma per i media questo sembra non esistere. Il presidente nigeriano non ha detto NIENTE, e il suo esercito alimenta il caos invece di proteggere i civili.

E siccome nessuno ne parla e "tanto le crisi in Africa sono difficili da risolvere", i nostri governi non stanno neppure tentando di aiutare la Nigeria.

Ma questo massacro senza precedenti è un'occasione per arrivare a un'azione decisa.

E succederà solo se faremo la nostra parte: facciamo arrivare ovunque la notizia, mettiamo pressione sui nostri governi e sull'ONU per far nominare subito un Inviato speciale con poteri veri, il primo passo per far partire un processo di pace in Nigeria.

Unisciti anche tu a questo appello urgente, affinché nel mondo non ci siano più bambine usate come bombe umane, o Paesi in cui potrebbero morire tutti senza che il mondo se ne accorga:


Quando c'è un conflitto in Africa pare sia sempre una guerra di religione. Ma non è così: la divisione in Nigeria è tra l'elite al potere grazie al controllo sul petrolio e una enorme corruzione e la popolazione che vive nel nord, povera e abbandonata a se stessa. E il gruppo terrorista Boko Haram ha sfruttato questa situazione arrivando a controllare un'area grande quanto la Svizzera, ma con un costo enorme: 20mila morti e un milione di persone sono state sfollate.

Ovviamente i politici non hanno fatto altro che alimentare le divisioni e questa strage arriva a poche settimane dalle nuove elezioni. Un caos che molti dicono aiuterebbe il Presidente nigeriano a essere rieletto. Il che spiegherebbe la sua reazione: inutile e scarsa.

Nel paese ci sono alcune forze speciali internazionali, ma sono bloccate per non essere coinvolte nelle azioni dell'esercito nigeriano contro la popolazione. Non è più possibile ignorare il problema, dobbiamo fare qualcosa e dobbiamo farlo subito, incluso un piano per formare una legittima forza di interposizione, una mediazione internazionale, un piano di investimenti per il Nord e un vero programma anti-corruzione.

Questo piano non risolverà la situazione in pochi giorni, ma questa NON è una situazione che si può risolvere in pochi giorni. Questo non toglie che ignorarla ancora è semplicemente immorale. La nostra comunità può spingere i paesi chiave a sostenere la nomina di un inviato ONU e imporre a chiunque vincerà le elezioni di portare avanti un processo di pace.

Se non faremo nulla, moriranno migliaia di persone e la minaccia di Boko Haram crescerà ancora. Gli attentati di Parigi ci hanno ricordato che il terrore non ha confini. Unisciti all'appello:


I politici hanno tradito i cittadini, e media e governi internazionali non hanno fatto nulla per troppo tempo, dibattendo di strategie mentre la situazione precipitava. Non c'è più tempo. Questa nomina può essere il punto d'inizio per cambiare la situazione, diamoci di fare.

Con speranza e determinazione,

Alice, Pascal, Mike, Melanie, Marigona, Ricken e tutto il team di Avaaz

Posta un commento