venerdì 2 gennaio 2015

Donare l'impossibile





Al dì che d'illuder il cor cessar vedrà,
sommo dolore imbiancherà l'inutile maschera.

Piangeranno i rami secchi di quell'antica quercia.

La bianca rugiada or s'appende alle ancor verdi foglie.

Stanca, attende il sol mattutino per volar in cielo.

Mesto, raccolgo me stesso
nel punto più alto del monte.

Cogliere vorrei, il sospir tenero di un amore infranto.

Appenderei il cor mio,
'sì che il Dio doni l'impossibile.

 

Posta un commento