domenica 9 febbraio 2014

Essere e pensare

Foto: PRIGIONIA
Opera di Silla Campanini
 
Ruotare liberamente nello spazio dell'essere.
Rifrangere emozioni nell'anima.
Illuminare di gioia le speranze che ci confinano.

Questi sono i doni che apprezzo.
Questi sono i doni che vorrei condividere.

L'aspra materia timbra d'egoismo i poveri di spirito,
acceca i passeri solitari,
oscura i giorni dei viandanti senza pensieri.

Il tempo non ha luogo e lo spazio è l'ossessione del finito.

Siamo ora e saremo sempre,
chiusi nell'Uno senza il prima e il dopo.

Siamo gocce di coscienza contaminate da una narcotizzante
aria di autodeterminazione.

  


Posta un commento