lunedì 6 gennaio 2014

Passato, presente e futuro... secondo ETT




 Opera di Silla Campanini

ETT: Ascolta attentamente e rifletti su quanto ti sto presentando.

Gli umani si raffigurano il tempo come una sorta di filo che si srotola in uno spazio ideale e ogni evento prende posto su questa catena fantastica. 

L’implicazione che si coglie subito riguarda il concetto di sequenzialità e l’ammissione implicita che per due eventi posti su punti diversi di questo filo immaginario non possono presentarsi contemporaneamente.

Tutto questo offre all’intelletto la consapevolezza e la misura del passato, del presente e del futuro.

Il tempo così congeniato assume l’idea di uno spazio ideale in cui si suppongono allineati tutti gli eventi trascorsi, presenti e futuri e ai quali si impedisce di apparire in una sola immagine.

La perdita della contemporaneità si allinea al concetto di separazione, così caro alla vostra umanità.

I vostri aggettivi, mio, tuo, suo, loro, eccetera o i nomi e i pronomi, sono tutti artifizi mentali che decretano nella vostra mente il “distacco”, la "separazione". 

Tutto lo scibile umano è sempre inquadrato a settori, a discipline, a gradi, a livelli. 

L’idea della gerarchia condiziona inevitabilmente tutta la vostra intelligenza e fa da padrona nella strutturazione del pensiero che voi chiamate “razionalità” del pensare.

Qualunque logica che non subisce l’invasione della sequenza, voi la considerate come non “scientifica” e con questo assunto rallentate lo sviluppo e inglobate tutto nel mistero o nella mistificazione.

LUIGI: Se ho capito bene, Il nostro paradigma di pensiero si fonda su un’idea sbagliata?

ETT: No! Più che sbagliata, io direi corrispondente al vostro status di esseri limitati, presi in ostaggio del tempo stesso.  

Questa semplice predisposizione mentale vi porta a ragionare sugli avvenimenti utilizzando il principio di causa ed effetto.

LUIGI: Cioè?

ETT: Ti sembrerà razionale soltanto tutto ciò che ubbidisce alla legge per cui ad una causa deve seguire un effetto!

Se ti parlassi di un effetto senza una causa o, addirittura, prima di una causa, sicuramente urterei contro la tua razionalità e, se non sapessi delle mie origini marziane, tu mi prenderesti per un pazzo.

LUIGI: Credo che tu abbia ragione!

......

(prosecuzione in altro articolo)
Posta un commento