lunedì 27 gennaio 2014

Da domani sarà triste

Opera di Silla Campanini

Pubblico con orgoglio questa poesia di un ragazzo, trovata in un Ghetto nel 1941

"Da domani sarà triste, da domani. 
Ma oggi sarò contento, a che serve essere tristi, a che serve. 
Perché soffia un vento cattivo. 
Perché dovrei dolermi, oggi, del domani. 
Forse il domani è buono, forse il domani è chiaro. 
Forse domani splenderà ancora il sole. 
E non vi sarà ragione di tristezza. 
Da domani sarà triste, da domani. 
Ma oggi, oggi sarò contento, 
e ad ogni amaro giorno dirò, da domani, sarà triste.
Oggi no. 

(Poesia di un ragazzo trovata in un Ghetto nel 1941).

 L'amore trova spazio anche nel dolore e questa testimonianza di fede ne è la prova. Non dimentichiamo, non ci affanniamo del domani, oggi viviamo quanto ci viene donato."
Posta un commento