domenica 10 novembre 2013

Elisir d'amore


opera di Silla Campanini

Soffusa, 
la tua idea lentamente mi prende.

Bella ai miei occhi,
l'immagine oscilla nel sogno.

Desiderio e rispetto
lottano alacremente.

Immane prova dell'esser mortale.

Al tramonto dell'avida materia,
i cieli s'aprono al temperar beltà.

Nuovi suoni invadono l'anima.

Allegri bagliori muovono l'incanto.

Il  peso è solo un ricordo.

Volo tra nuvole e lampi.

Sorprendo il temporale.

Porto con me la gioia di averti accanto
e un arcobaleno mi guida 
là, dove il sole splende.

Angeli e uccelli 
in vortice di gioa,
sorridono alla mia fantasia.

Nell'elisir d'amore,
riesco a credere anche a ciò che non vedo.


Posta un commento