martedì 5 novembre 2013

E' questa la grande opportunita' per il Tibet?


I tibetani rischiano di essere picchiati o uccisi se si rifiutano di esporre la bandiera cinese. Ora però la Cina ha bisogno del sostegno della comunità internazionale per entrare nel Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite. Facciamoci sentire in massa per far capire che il mondo non si è dimenticato del Tibet. Firma ora: 
I tibetani che si rifiutano di esporre la bandiera cinese sulle loro case rischiano di essere picchiati o uccisi: è questo l'ennesimo tentativo del governo cinese di mortificarne lo spirito. Ora però abbiamo un'occasione, come non accadeva da anni, per ridare speranza al fiero ma disperato popolo tibetano.

Il governo di Pechino sta facendo del suo meglio per nascondere le sue violazioni dei diritti umani e convincere gli altri governi a sostenere la candidatura cinese al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite. Se saremo in tanti a fare luce su quello che sta accadendo in Tibet (un'antica religione calpestata, giornalisti censurati, arresti all'alba nelle case) potremo obbligare la Cina ad abbandonare la linea dura al fine di ottenere i 97 voti di cui ha bisogno.

Facciamo sapere ai tibetani che il mondo non si è dimenticato di loro. Già 13 governi hanno richiamato la Cina sul tema dei diritti umani in Tibet, e Pechino sente crescere la pressione. Firma ora per schierarti dalla parte del Tibet, e poi condividi questa petizione con tutti quelli che conosci. Quando raggiungeremo il milione di firme le porteremo a tutte le delegazioni ONU, amplificando al massimo la notizia tramite i media:

https://secure.avaaz.org/it/stand_with_tibet_loc/?bglFhdb&v=30894
La pressione sulla Cina sta aumentando. Canada, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Giappone, Nuova Zelanda, Polonia, Stati Uniti, Regno Unito, Svizzera, Svezia, Islanda e Austria hanno appena richiesto formalmente al governo cinese di garantire la libertà politica, religiosa e associativa in Tibet, in quella che è una dimostrazione di supporto con una forza senza precedenti. E questa richiesta segue di pochi giorni l'accusa che un tribunale spagnolo ha avanzato nei confronti dell'ex presidente cinese: genocidio in Tibet!

La situazione è davvero tragica. Più di 120 persone si sono tolte la vita dandosi fuoco per protestare contro la soffocante occupazione cinese e centinaia di migliaia di tibetani sono stati spazzati via. Le attuali politiche del governo cinese sopprimono sistematicamente l'uso della lingua tibetana, obbligano le persone a lasciare le proprie case, controllano completamente spostamenti e religione della popolazione del Tibet.

Queste politiche fallimentari danneggiano anche la Cina stessa, che però ormai è troppo invischiata in questa spirale di oppressione: ha bisogno di una spinta per poter cambiare direzione. Questa settimana, noi possiamo avviare il cambiamento. Facciamoci sentire ora che la Cina è sotto i riflettori di tutto il mondo e facciamo capire ai nostri governi che non ci siamo scordati del Tibet. Firma subito e condividi con tutti quelli che conosci. Creiamo la più grande petizione di sempre in difesa del Tibet e mettiamo la Cina di fronte alle sue responsabilità:

https://secure.avaaz.org/it/stand_with_tibet_loc/?bglFhdb&v=30894

I fieri abitanti del Tibet si stanno opponendo al terribile controllo cinese e aspirano a un cambiamento, ma non possono farcela da soli. Nessuno può ottenere una trasformazione tanto radicale da solo.

E' per questo che già in passato ci siamo schierati in difesa del Tibet. Possiamo far sì che questo momento diventi il punto di svolta in cui tutto il mondo si impegna in difesa della sopravvivenza del popolo tibetano.

La nostra comunità esiste per momenti come questo.

Con speranza,

Ben, Alice, Patricia, Alex, Ricken, Emily, Sayeeda e tutto il team di Avaaz

Posta un commento