domenica 20 ottobre 2013

Oscurità dell'anima

Opera di Silla Campanini

Il diverso e la separazione sono due invenzioni umane.

Il peccato originale, simbolicamente il morso alla mela, rappresenta l'atto che ha ufficializzato il concetto della divisione (il pezzo di mela staccato con il morso) come realtà della natura umana.

Solo dividendo e separando, è possibile contare.

Imparando a contare introduciamo il tempo.

Nasce il concetto del "prima" e del "dopo"; nascono le limitazioni e il discreto.

Il concetto di "eterno", impossibile da dividere, fa compagnia a quello di "infinito".

L'uomo cuce il suo vestito nella sfera dell'essere.

Se ammettiamo che con la separazione nulla si aggiunge e nulla si crea di diverso, dovremmo ammettere che tutti gli uomini sono uguali e ognuno non è diverso o separato dalla natura nel suo complesso. 

Saremmo un grande polmone che respira e che si espande "adimensionalmente".

L'assurdo di Russell si rivelerebbe verità.

Egli, scherzando, diceva che se ammetti che 2=1, allora io sono il papa.
Lo dimostrava constatando che lui e il papa sono due persone "separate" e quindi per la logica tradizionale, ammettendo l'uguaglianza, si deve ammettere la coincidenza delle due persone diverse.

Forse, in futuro, smontando il paradigma ufficiale della razionalità tradizionale, avremo la conferma di un universo unico e pieno d'amore.

Posta un commento