giovedì 17 ottobre 2013

La paura in pillole


Opera di Silla Campanini




Dal dizionario, la paura è “stato d'animo, costituito da inquietudine e grave turbamento, che si prova al pensiero o alla presenza di un pericolo”.

La paura è una condizione dell’essere che teme per la propria sopravvivenza e si manifesta con una rottura dell’equilibrio psicologico e fisico, allertando, così, corpo e anima per la difesa comune contro la minaccia.

Il corpo e l’anima si alleano per la battaglia comune e per sconfiggere lo stesso nemico.

Il corpo utilizza strumenti che gli sono propri e cioè, stupidi.

Ripesca dalla propria memoria storica reazioni o atti comportamentali che, anche in modo ingiustificato, hanno prodotto risultati utili in situazioni analoghe.

Per esempio, se in eventi precedenti la paura è stata alleviata da un urlo prorompente, il corpo utilizzerà lo stesso sistema che in quel caso aveva sortito un effetto positivo. L’opportunità per la scelta dell’azione adotta è garantita soltanto dal ricorso storico.

La stupidità del criterio consiste nell’applicare la regola meccanicamente e indipendentemente dell’evento che ha scatenato la paura.

L’anima, raffinata, invece, utilizza tecniche molto più variegate e personalizzate con le caratteristiche del soggetto.

Il mondo dell’anima, diviso tra la razionalità e l’istinto, si rivela attraverso livelli di profondità di pensiero e della sensibilità emotiva.

Il pensiero conduce al pronosticare lo sviluppo dell’evento in corso per modulare il grado di pericolosità a cui si va incontro. La sensibilità sperimenta l’intensità del dolore imminente.

Unendo le tre tecniche si ottiene una combinazione che nella stragrande maggioranza dei casi è sbilanciata.

Si oscilla tra reazioni che vanno da quelle solo fisiche, con buio completo della razionalità e grande esperienza di dolore, per giungere a quelle fredde, impassibili con grande lucidità di pensiero e assenza di dolore.
 
Ognuno di noi si sceglie un posto in questa scala del “sentire” la paura.  
 
Posta un commento