venerdì 7 giugno 2013

Lo sguardo


opera di Silla Campanini

"Lo sguardo è una scelta. Chi guarda decide di soffermarsi su una determinata cosa e escludere dunque dall'attenzione il resto del proprio campo visivo. In questo senso lo sguardo che è essenza della vita e' prima di tutto un rifiuto".
Amelie Nothomb


Lo sguardo è una scelta apparente; chi decide di fissarlo risponde ad un richiamo nascosto alla logica e denotato dalla sensibilità. 

L'intensità dello sguardo mira alla sincronizzazione dell'energia che corre sulla linea visiva in doppia direzione. 

Lo sguardo è comunione e in quanto tale non può escludere. 

I limiti umani ci impongono la logica delle divisioni o delle parti mutamente esclusive.

Con tale modello mentale ci si concentra sul particolare, si dimentica l'insieme e si inventano teorie.

Non esistono nell'universo elementi separati, non interagenti.

Se fosse così, non esisterebbero l'infinito e  l'eternità.

L'incapacità della mente umana di sintetizzare in una immagine qualcosa senza un inizio e fine, oppure, la necessità per il pensiero di collocarsi in uno spazio temporale definito da un "prima" e un "dopo", impone il modello discreto (numerabile).

Dal modello discreto nascono i limiti, e da questi, le false verità.

Qualora ogni elemento trovasse posto nella congruenza del modello, la teoria si dimostrerebbe nella scienza.

Ogni altro elemento sciolto, si ripone nella fede o nella fantasia.     

Luigi Squeo
Posta un commento