venerdì 3 maggio 2013

Un dono di Dio


opera di Silla Campanini




Il pensiero è un dono di Dio.

Regalandolo moltiplica se stesso e fa piacere a chi lo riceve. Esso è un bene magico che si regala senza perderlo. 

Forse Dio ha voluto donarci qualcosa di sé, per darci un segno della sua onnipotenza?

Il pensiero è una risorsa a molteplicità infinita, rinnovabile, disponibile in larga scala, a costo zero e a valore indefinibile.

Di Dio si dice di tutto... però, ammettetelo, è originale!

Il pensiero anticipa la realtà, caratterizza l’azione, produce un risultato. 

Dimostriamo il nostro carattere dalle azioni che intraprendiamo. 

Le azioni sono spinte dagli stimoli dettati dal pensiero. 

L’atto rivela ciò in cui veramente crediamo. 

Riveliamo quindi il nostro credo dalle azioni sviluppate. 

Quest’ultime smentiscono il pensiero diverso da quello che ha ispirato l’azione. Il corpo con le sue posture fa da testimone.

La chiarezza del pensiero guida infallibilmente il pensante verso la meta; come un treno in corsa sui binari.

Un pensiero felice ti porta in luoghi gioiosi, espande l’anima, porta fiducia e gioia ovunque.
Il corpo che porta un pensiero felice assume posture di legame e fiducia nel prossimo. 

Difficilmente si ammala e, se dovesse succedere, non lo farebbe sembrare, poiché sarebbe già in ripresa.

Il pensiero positivo cancella dalla memoria il male subito, non concede rimpianti, lamentele, nostalgie. 

Esso riempie di energia il corpo e lo stimola all’azione.

Il pensiero è il frutto dell’albero del sapere. 

Brano tratto dal libro "Il meraviglioso mondo dell'anima" - edito Zedda
Posta un commento