venerdì 10 maggio 2013

Sensibilità affine


Opera di Silla Campanini

Al dir m'arretro,
 arduo è cavalcar parola se l'idea mia è fosca.

All'acuir del bussar del cuore, capisco di risuonar emozioni.

Allor taccio, 
e di me, il tremore fa scena.

Son stupido,
perchè di ragionar non conto.

Lesto, il gentil spirito s'apprende.

per altri canti, il verbo or vola.





Posta un commento