martedì 14 maggio 2013

Nascita dell'universo.



 

Esistevano, in un mondo fantastico, tre essenze: Direzione, Verso e Intensità.

L’universo ne era pieno e per questo motivo mancava il vuoto.

Erano invisibili e instabili nelle loro identità.

Per comunicare utilizzavano particolari intermediari: dubbio, istinto, sensibilità, ragione.

Utilizzando l’istinto attiravano; con il dubbio si espandevano, con la sensibilità si trasformavano e con la ragione si alimentavano.

Le tre essenze non potevano far nulla senza qualcosa che le consentissero di creare una forma solida capace di portare il loro segreto nella sostanza in cui esse si sarebbero potuto rivelare.

Dio, allora, inviò, tardivamente, una parte di sé con la quale permise la loro combinazione come primo passo verso la nascita dell’universo.  

Oggi, le infinite combinazioni che la particella di Dio ammetteva, nosconde il suo segreto e rende superlativo il suo fascino, racchiudendolo nella conchiglia del mistero.

Posta un commento