giovedì 7 marzo 2013

Oltre i tre metri sopra il cielo



Foto: Riesco con un dito a toccare una nuvola anche se so che è lontana chilometri… "ma mi" piace essere all'altezza della mia fantasia!
- Web -

Giocare con il sentimento è un po’ tornar bambini ma anche sollevarsi oltre i tre metri sopra il cielo.

Giocando, ho affiancato una bella poesia di Carmen Percontra  (nel mio amato dialetto napoletano) con una mia personale traduzione.
Il risultato è magico ….


A ’stu mumento…
si ’o core tuio putesse sèntere
chello che ’o core mio vulesse dícere,
io sarría chino ’e felicità.

Ma ’stu core
ca tiene ’mpietto
sta ’nzerrato
comm’a ’nu carcerato:
nun ’a cunusce tu, ’a felicità.

Io ce vulesse parlà…,
le diciarría…:“Oi core,
core aràpete,
fallo trasi’ l’ammore”.

L’ammore …
è ’na iurnata ’e sole,
’na ventata ’e primmavera,
’nu cielo cu’ l’arcobaleno.
Chist’ è l’ammore…
ca te regne
l’anema e ’o core.

Mute parole versano felicità ripiegate.

Incredulo, cuore mio sei eremita non per scelta.

Sbarre antiche, arredano la tua stanza.

Restio all’inutile evasione, attende che il sole sia alto.

Nel mentre,
respira aria gelida per misurar la primavera.

Ripassa i colori dell’arcobaleno per riscoprire gioia

Accarezza la speranza della vita nuova.

Sogna un mondo d’Amore.

Posta un commento