domenica 24 marzo 2013

Gocce di mare




Vorrei il mondo che ho visto prima di nascere … … 

uno, consapevole e infinito.

Nascendo, ho imparato a dividere, sperimentare l’illusione della moltitudine e vivere la conseguente limitazione.

Dibattuto tra la ragione e il cuore, oscillo continuamente nella convinzione.

Ogni stato d'essere è soltanto transizione, una calma tra due tempeste.

Siamo gocce nel mare di un oceano, or calmo or furioso. 

Infinite, strette l'una con l'altra siamo compagne di noi stesse.

Mosse da correnti e maree, non abbiamo forma.

Combattiamo per cercar volume, ma il sole ci eleva al cielo,

in promessa 

a un Paradiso 

appeso alla speranza. 

Posta un commento