lunedì 24 dicembre 2012

Buon Natale, amici!




LUIGI: Per mia fattura, parlar del Natale sarebbe come invitarmi a sognare ad occhi aperti e poiché per molti, anche parlar con te, è una stranezza che si confonde tra la fantasia e la realtà, allora scriverò su questo sogno.

Già da bambino, estraneo all’amore, ero solito cercare posti lontani dalla furia giornaliera delle “cose” importanti e mi eclissavo in piena campagna o sotto calde coperte per viaggiare nei sogni.

ETT: Non importa ciò che altri potrebbero pensare! 

Sogno o realtà sono due facce del vostro mondo con le quali raccontate di voi stessi. Riprendi a parlar del Natale.

LUIGI: Il mio Natale è l’espressione più intima del volersi bene; è l’occasione per mostrare la parte più bella di noi stessi, quella che solitamente riserviamo a chi amiamo così profondamente da ritenere stupida l’idea di nascondere qualcosa, anzi, verso queste persone sorge spontanea la voglia di raccontar tutto sinceramente; si sperimenta una liberazione, una rinascita.

Esattamente come mendicanti d’Amore, ci si rivolge al prossimo con la certezza di vedere la mano tesa. ETT, credimi, è dura essere sempre se stessi in questo nostro mondo!

ETT: Infatti, Luigi! E’ proprio questo il motivo per cui siete difficili da comprendere anche a noi alieni.

LUIGI: Nel clima natalizio si diffonde una specie di armistizio sociale. Ogni tenerezza non viene soppesata completamente come una debolezza dell’essere o come una regressione infantile, ma come una corrispondenza ad una aspettativa collettiva che induce alla bontà, alla solidarietà e alla reciproca (momentanea) tolleranza.

ETT: Mi sembra di capire che in questo periodo attraversate una fase di drogaggio collettivo per cui l’effetto benefico che si ottiene è solo transitorio. 

Il clima natalizio dovrebbe essere quello di tutti i giorni, ma a causa delle vostre debolezze, lo relegate solo a dicembre di ogni anno.

LUIGI: Detto in termini diretti, direi che è proprio così!

ETT: Dimmi, ancora, che ruolo hanno i grandi regali, i pranzi faraonici, i viaggi di fine anno, lo spendere tanti soldi in un breve periodo, eccetera, eccetera?

LUIGI: I motivi sono molto semplici. La maggior parte degli umani tende a mostrare la sua gratificazione con l’uso della moneta.

Il sentimento spesso rischia di apparire inutile o al massimo una ludica attività per inoperosi, allora si “pensa” al concreto, come mangiare e spendere soldi.

La povertà d’animo esclude alternative per cui non far regali o non mangiare il panettone, si trasforma in una frustrazione sociale.

ETT: Per fortuna, noi alieni abbiamo bandito il cibo da molti millenni!

LUIGI: ETT, ti prego portami via con te per qualche giorno!

ETT: Proprio ora, nel pieno del Natale?

LUIGI: Sì! Perché ovunque andassi, continuerò a restare nel cuore di chi amo e continuerò a non esistere nella mente di chi mi vede solo attraverso gli occhi.

BUON NATALE AMICI MIEI!
  
Posta un commento