lunedì 23 luglio 2012

Premio per una vita d'amore


Non posso sapere a quanti di voi è successo di rimanere immobili e impotenti davanti a un genitore sofferente, debole e arreso alle offese di un corpo invecchiato. 

Il gigante morale, il binario che ti guidava, in quel momento sembra appartenere alla storia. 

Effettivamente, si ha l’impressione di aprire un libro antico e attraverso i ricordi rivedere le scene dei bei momenti affettivi, le temute reazioni educative, le dolcissime premure di una mamma. 

Non riesco a evitare di inumidirmi gli occhi, quando il pensiero, come un ologramma, mi stampa la sua foto davanti e con un meccanismo automatico inizia a girare scene di un film che conosco molto bene.

So benissimo che tutti attraverseremo quella coda scomoda della vita, ora però, sono convinto che qualunque realtà che il destino potrà riservare, si ricorderà che il silenzio di chi vuol bene o la stretta di una mano giovane, è il premio per una vita consumata nell’amore. 

Posta un commento